Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “Timothy Ferriss”

UOVA A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Timothy Ferriss, nel suo libro 4 Ore Alla Settimana Per Il Tuo Corpo, parla delle uova come valido aiuto nella dieta dimagrante.
Le uova forniscono proteine, grassi buoni, vitamine A,D,E e minerali come ferro, e zinco.
Le uova a colazione forniscono energia e saziano a lungo, impedendoci di arrivare troppo affamati all’ora di pranzo.
Le loro virtù vanno oltre: aiutano a dimagrire!

Diversi esperimenti hanno evidenziato che mangiare uova produce un aumento del metabolismo basale e di conseguenza una maggiore perdita di peso.
In uno di questi esperimenti un gruppo di donne in sovrappeso ha consumato per otto settimane ogni giorno due uova per colazione, mentre un altro gruppo no. Il risultato è stato che le donne che hanno consumato uova a colazione hanno perso il 65%  di peso in più rispetto al gruppo che non le ha consumate.
Non solo, ma da questo esperimento si è capito che le uova aiutano a perdere il grasso addominale, infatti hanno constatato una riduzione più elevata dell’83% della circonferenza vita.
Un’altra cosa importante è che non sono state rilevate differenze significative nei livelli di colesterolo LDL, HDL e dei trigliceridi.

Il tuorlo contiene colina, che aiuta e protegge il fegato e favorisce il dimagrimento. La colina viene metabolizzata come betaina, che riduce lo stato infiammatorio causato dallo stress ossidativo.

Io sapevo che le uova contengono molto colesterolo e che dobbiamo limitarne il consumo a 2-3 alla settimana. Ultimamente le hanno rivalutate, dicono che il loro colesterolo è facilmente metabolizzabile. I loro grassi, anche se di origine animale, sono costituiti soprattutto da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono benefici per l’organismo. Inoltre contengono lecitine, ottimi emulsionanti dei lipidi, che favoriscono il trasporto inverso del colesterolo, cioè dalle arterie al fegato, aumentando l’attività del colesterolo buono HDL.
Tim raccomanda le uova biologiche, dice che contengono meno colesterolo.

Le galline meno stressate fanno uova più sane!

CELLULITE

A Dr. Oz show hanno parlato della cellulite, che colpisce la maggior parte delle donne. Come sempre, sono intervenuti degli esperti in materia.

Rovenia Brock, nutrizionista e autrice di libri sulla salute, ha dato alcuni consigli utili.
Innanzitutto gli alimenti che favoriscono la cellulite sono gli zuccheri, compresi i carboidrati raffinati, e il sale.
Un’alimentazione corretta dovrebbe contenere cereali integrali, frutta e verdura.

Un aiuto nella lotta contro la cellulite può venire dall’alga marina Kelp, che contiene fucoxantina, una molecola naturale capace di bruciare il grasso. Per ottenere dei buoni risultati se ne deve consumare il più possibile, cotta oppure sotto forma di capsule.
Un altro prodotto che secondo Rovenia Brock funziona è la crema all’Aminophyllina, che aiuta il corpo a trasformare il grasso in calore.
La crema al retinolo è un altro prodotto efficace contro la cellulite, perchè contiene un tipo di vitamina A che attacca i radicali liberi responsabili del deterioramento del collagene. Il collagene forma uno strato protettivo sulle fibre connettive sotto la pelle, uno strato che impedisce alle cellule grasse di espandersi fino a raggiungere lo strato superiore della pelle, dando luogo alla cellulite.
Il retinolo aiuta a ispessire la pelle e una pelle più spessa rende meno visibili le imperfezioni.
Bisogna però essere sicuri che la crema contenga realmente retinolo puro.

Un altro consiglio della Dott. Brock è di non indossare biancheria elasticizzata, perchè esercita una pressione che accentua la visibilità della cellulite. Si dovrebbe indossare biancheria con bordi non elasticizzati, che deve esercitare una pressione uniforme su tutta la superficie che riveste. Deve coprire e contenere, con una pressione costante.

Marie Czenko, esperta di salute e bellezza e paladina dei diritti del consumatore, ha parlato dell’efficacia o no di alcuni prodotti. Secondo lei i dispositivi per i massaggi possono andar bene perchè contribuiscono ad ammorbidire le fasce di tessuto connettivo che irrigidendosi creano i cuscinetti di grasso. Un uso costante permette di ottenere un effetto rassodante, mantenendo soffici le fibre connettive.
Anche le creme alla caffeina possono portare miglioramenti, perchè contengono ingredienti che tonificano e rassodano la pelle.
Perchè si ottengano dei risultati, questi prodotti vanno usati con costanza per qualche tempo, ma non si devono avere aspettative esagerate e sono comunque risultati temporanei.
Secondo Marie Czenko le erbe diuretiche non funzionano contro la cellulite. Il diuretico ha effetto su tutto il corpo e non su una zona colpita dalla cellulite. In più molti prodotti diuretici contengono molto iodio, che può portare disturbi alla digestione o alla tiroide.

Tim Ferris, nel suo libro 4 Ore Alla Settimana Per Il Tuo Corpo, è del parere che la cellulite fa parte della moltitudine di malattie inventate dalle case farmaceutiche per il business.
La parola cellulite è apparsa per la prima volta su Vogue nel 1968 ed è stata presentata come un problema, ma in realtà esisteva da sempre nel mondo femminile.
Il linguaggio del marketing usa termini come cellulite, malattia, salute, forma fisica oppure tonificare, rassodare, modellare  per spaventare o invogliare e quindi per vendere. Sono termini vaghi, non misurabili, dai quali dovremmo stare alla larga.
La cellulite, secondo Timothy Ferriss, è grasso che si può eliminare.

Io credo che un massaggio con una crema qualsiasi porti un po’ di miglioramento perchè attiva la circolazione e la pelle avrà un aspetto più sano e più levigato. Comunque per potenziare gli effetti delle cure esterne si dovrebbe partire sempre dall’interno, con una sana alimentazione e con una buona attività fisica.

LA PREDISPOSIZIONE GENETICA SI PUO’ CAMBIARE

Spesso quando più persone in famiglia sono in sovrappeso si pensa a una predisposizione genetica, forse anche perché fa comodo.
Tutto può essere collegato invece ad abitudini sbagliate che si tramandano da generazioni: la mamma che ama cucinare cibi ricchi di grassi e zuccheri trasmette il suo modo di cucinare ai figli, che a loro  volta lo insegnano ai loro figli.

Timothy Ferriss dice nel suo libro 4 Ore Alla Settimana Per Il Tuo Corpo che in una famiglia di obesi  il più delle volte anche gli animali domestici sono obesi.
Con una dieta corretta e costante e con un’adeguata attività fisica la predisposizione genetica si può modificare.
Il consiglio di Tim è  di smettere di sperare e di cominciare a fare.
In qualunque cosa la chiave per essere straordinario è semplicemente agire con l’intenzione di essere straordinario.
Non bisogna rassegnarsi, arrendersi. Non bisogna dire Non sono portato per lo sport, ma cominciare a seguire il programma di esercizi, fiduciosi e diligenti.
Dovremmo essere scettici nei confronti del sensazionalismo. Non esistono diete miracolose e abbiamo visto che i chili persi troppo in fretta si riacquistano altrettanto in fretta.
E’ meglio evitare qualsiasi metodo con un alto tasso di insuccesso, anche se ci sentiamo carichi. Meglio seguire un metodo discreto, che abbandonare uno perfetto.
Timothy Ferriss inoltre dice di non confondere lo svago con l’esercizio fisico. Lo svago può essere lo yoga, il nuoto, la roccia, mentre l’esercizio fisico significa effettuare una dose minima efficace di movimenti precisi che produrranno uno specifico cambiamento.
L’attività fisica efficace è semplice e misurabile (per esempio 50 squot, 100 addominali ecc.) e mettere su muscoli è uno dei modi migliori per bruciare il grasso.
Dovremmo pensare che la dieta è temporanea e prenderci un periodo di 20 giorni per vedere come reagisce il nostro organismo.

Per avere un maggiore controllo nelle scelte alimentari Tim suggerisce di fotografare ogni pasto o spuntino prima di mangiarlo.
Il modo più rapido per correggere un comportamento è essere consapevole in tempo reale e non quando il fatto è compiuto.
Questo metodo è più rapido e più preciso dei diari alimentari. Comunque studi hanno confermato che i soggetti che compilavano un diario alimentare hanno perso 3 volte il peso di chi non teneva un diario. La sola consapevolezza fa dimagrire.
Un altro modo per motivarsi è di farsi delle fotografie prima della dieta e di lasciarle in vista, magari sul frigorifero.
Misurare il proprio corpo è motivarsi, così come lo é parlare ad altri della propria dieta: la paura di perdere è un grande stimolo.
Sapendo che una potenziale perdita è una molla motivazionale più efficace di una potenziale ricompensa, possiamo predisporci  al successo includendo il rischio tangibile di un pubblico fallimento. Chi è impegnato in “sfide” con gli altri perde peso più facilmente.

Dobbiamo trasformare Sarebbe bello in E’ necessario: una perdita di peso di 4-5 kg. significa una taglia in meno!

Navigazione articolo