Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “semi di zucca”

ARRABBIATO? MANGIA CHE TI PASSA!

MIGUEL - WIN_20140831_151646L’abbiamo fatto tutti: ci siamo buttati sui pasticcini o sulla cioccolata nei momenti di sconforto, ma abbiamo registrato “effetti collaterali” sulla bilancia. Non mi riferisco, quindi, ai cibi consolatori soliti, che sono causa di sovrappeso e obesità. Mi riferisco a cibi salutari, ricchi di sostanze che si comportano come medicine sul nostro organismo. Sempre di più si va verso la prevenzione dei disturbi con metodi naturali, che troviamo nella nostra cucina. Alcuni ci aiutano a sentirci più energici, altri ci aiutano a calmarci.
La dietologia Frances Largeman-Roth, esperta in nutrizione e autrice di molti libri, in qualità di ospite nello show del Dr. Oz ci dà alcuni consigli su come usare il cibo per sentirci calmi e tranquilli. Ecco una giornata tipo:

Colazione. Iniziare la giornata con un kiwi. Il kiwi contiene vitamina C, l’antiossidante più potente che c’è in natura, ma che noi non possiamo produrre, dobbiamo assumerla con il cibo. Si può aggiungere allo yogurt o ai cereali della colazione, ma va tagliato all’ultimo momento, perché la luce e il calore distruggono la vitamina C. (per conoscere tutte le proprietà benefiche del kiwi leggi il post).

– Snack di metà mattina. Anziché i dolcetti al bar o le merendine alla macchinetta, tirare fuori dalla borsa (o tasca) il nostro sacchettino di semi di zucca. I semi di zucca regolano il livello di glucosio nel sangue. Inoltre contengono molto magnesio, che controlla e mantiene stabile la pressione sanguigna, aiutandoci a prevenire malattie cardiovascolari.
Si possono consumare anche mescolati ad altri semi e frutti a guscio, come faccio io, oppure usarli macinati per impanare il pesce (al posto del pangrattato), cospargerli sull’insalata o aggiungerlo ai vostri muffin o al pane fatto in casa.

Pranzo.Consumare orzo in alternativa a pasta o riso. L’orzo ha un effetto benefico sul livello di glucosio nel sangue, perché contiene zuccheri a lento rilascio e non dà picchi di insulina e il calo di zuccheri che segue. Andrebbero consumate 3-4 porzioni alla settimana. Si può cucinare per tutta la settimana e tenerlo in frigorifero.

Snack di metà pomeriggio. Fare uno snack con popcorn e arachidi. Le arachidi contengono folati, che aiutano a produrre serotonina, l’ormone che fa felice il cervello. Il popcorn contiene zuccheri a lento rilascio. Una tazza di popcorn e 30 g di arachidi sono la porzione ideale.

Cena. Per la cena Frances Largeman-Roth suggerisce di usare peperoncino sulle nostre pietanze. Il peperoncino contiene capsaicina, che aiuta il corpo a produrre endorfine, che annullano lo stress e ci fanno andare a letto tranquilli.

So che non è così semplice come sembra, ma sono alimenti sani, che hanno effetti benefici sul nostro organismo e non hanno “effetti collaterali” 🙂

Leggi anche “Sai perché sei arrabbiato?”, che può aiutarti a controllare le tue emozioni.

Annunci

COME CONTROLLARE L’ANSIA

imagesZUQG4M4E

 

Vi è capitato di avere mal di testa o mal di stomaco inspiegabili? In questi casi andate dal medico, giusto? Il medico vi prescrive medicine, altrimenti voi uscireste insoddisfatti per non avere un rimedio ai vostri disturbi. Le medicine, però, aggravano i sintomi e non sapete più cosa fare.
Quello che manca in questa sequenza è un esame più approfondito per trovare la causa del mal di testa o di stomaco. Con i ritmi di vita sempre più vertiginosi, spesso alla base dei disturbi c’è l’ansia e lo stress e si dovrebbe agire direttamente su questi fattori. Fermiamoci un momento a dare uno sguardo alle nostre giornate. Chi meglio di noi può sapere cosa sentiamo?
Se individuiamo l’ansia, non dobbiamo pensare subito agli ansiolitici! Questi farmaci danno dipendenza e se ne devono assumere sempre di più per avere gli stessi risultati, per poi scoprire che non fanno più effetto.
Io ho un’idiosincrasia per i farmaci, ma non sono immune all’ansia, perciò quando, durante lo show del Dott. Oz,  Mike Dow  ha parlato di cibi che si comportano nell’organismo come veri ansiolitici naturali,  mi sono sentita già più tranquilla.
Mike Dow è uno studioso delle proprietà terapeutiche degli alimenti, in qualità di psicoterapeuta specializzato in dipendenze.
Ecco le sue spiegazioni:
Molto spesso sono i cali di serotonina a causare l’ansia. La serotonina è un ormone che dà il benessere, naturalmente prodotto dal nostro cervello. Quando i suoi livelli scendono, ci gettiamo sui carboidrati nocivi (amidi, zuccheri), che a lungo termine peggiorano notevolmente la situazione.
Servono cibi energetici, che favoriscano non solo la salute cerebrale, ma anche quella di tutto l’organismo.
Il Dott. Mike Dow propone una terapia dell’ansia attraverso il cibo, che ha 3 obiettivi principali:

1) Aumentare il neurotrasmettitore GABA, che è un ansiolitico naturale e ha effetti calmanti sul cervello umano. Quando il GABA entra in circolo rallenta l’attività cerebrale, quindi anche i pensieri negativi che causano l’ansia rallentano. L’importante è assumerne la giusta quantità, per prolungare l’effetto rilassante durante tutta la giornata. Quando cala il livello di zucchero nel sangue, l’ansia tende a salire, perciò serve  un rilascio costante di zuccheri, attraverso determinati cibi.
Ecco alcuni alimenti che contengono GABA:
– il kefir, un latte acido. Un bicchiere a colazione è ideale.
– il Kimchi, cavolo fermentato, che contribuisce a velocizzare il metabolismo. Bastano 100 g al giorno e forniscono solo 30 calorie.
– il tè oolong, un’altra versione di ansiolitico, che ha tutti gli effetti benefici del GABA. Bastano 2-3 tazze al giorno.

2) Aumentare i livelli di triptofano, un aminoacido precursore della serotonina, il principale ormone del benessere, rilasciato dal cervello. Le principali fonti sono la carne, i semi di zucca (30 g di semi contengono 50 mg di triptofano), edamame (fagioli di soia verdi), gamberetti (100 g di gamberetti forniscono 300 mg di triptofano!).

3) Aumentare il magnesio e la vitamina B6. A questo scopo si possono utilizzare le alghe, per esempio l’alga Nori, che si può usare per fare sushi oppure spezzettata su cibi come riso e popcorn, insieme con semi di sesamo.

Questi alimenti attivano gli stessi neurotrasmettitori utilizzati dai farmaci che vengono somministrati per aumentare il livello di serotonina. Sono soluzioni che hanno gli effetti benefici di alcuni farmaci, ma sono privi di effetti collaterali. Non male, no?
Oltre questi alimenti, io credo che dovremmo modificare un po’ il nostro modo di essere:
– Riuscire ad accettare il fatto che non possiamo controllare tutto è già un buon punto di partenza.
– Troppi impegni diventano difficili da gestire. Dobbiamo dare una priorità alle cose da fare, in ordine di importanza e di urgenza.
– Essere realistici, non dobbiamo fissarsi mete difficili da raggiungere.
– Concentrarci su un impegno alla volta: si guadagna tempo e qualità.
– Prenderci 10 minuti ogni tanto in cui non dobbiamo pensare a niente che alimenti la nostra ansia, per ripristinare le nostre energie.

Meglio pensare per tempo, prima di arrivare a fare uso di ansiolitici!

 

RINFORZATE LE VOSTRE DIFESE IMMUNITARIE

imagesNGPYU8UXPer rinforzare il nostro sistema immunitario non è necessario ricorrere a farmaci: basta avere un’alimentazione varia, ricca di cibi che siano in grado di farlo ed eventualmente aggiungere qualche integratore.
Dr. Oz ha elencato alcuni, che mi affretto a condividere con voi:

– Estratto di larice, che aiuta a ridurre i raffreddori.
– Olio di origano, in grado di eliminare i batteri cattivi che possono dominare l’intestino.
– Funghi giapponesi (enoki, shiitake, Oyster), ricchi di ergothioneine, un potente antiossidante, che non viene distrutto con la cottura.
– Crucifere (cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiore, lattuga), che aiutano a disintossicare il fegato e a creare un buon ambiente per le cellule immunitarie che vi abitano.
– Avocado: aggiungendolo alla dieta è un modo facile per supportare le funzioni delle ghiandole surrenali e il sistema immunitario. Contiene acidi grassi essenziali che aiutano la produzione e l’equilibrio degli ormoni.
– Zenzero (ginger), molto usato nella medicina ayurvedica: riscalda il corpo e aiuta a mantenere aperte le vie respiratorie e ad abbattere l’acumulo di tossine negli organi, che aumentano il rischio di infezioni, specialmente polmonari. Purifica il sistema linfatico, che a sua volta è il sistema purificatore del nostro organismo.
– Ribes nero: contiene antociani, antiossidanti composti, che proteggono i nostri occhi e migliorano la visione notturna. Inoltre è ricco di vitamina C (5 volte più delle arance).
– Avena (fiocchi e farina): è un superalimento per la salute a lungo termine, perché è ricca di fibra solubile che cattura e trascina via il colesterolo cattivo LDL.
– Melograno: è ricco di acido ellagico e alagin punica, che combattono i danni da radicali liberi e contiene fitonutrienti che aiutano a preservare il collagene nella pelle.
– Semi di zucca: sono ricchi di magnesio e aiutano ad abbassare la pressione sanguigna, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari.
– Estratto di salvia: aiuta a rimuovere il muco dal tratto respiratorio e calma la tosse. (1-2 gocce nel tè o in un po’ d’acqua calda).
– Uova: contengono ferro, biotina e vitamina C e combattono l’anemia, una riduzione dei globuli rossi che può causare la perdita dei capelli nelle donne.
– Graviola: tradizionalmente usata per uccidere i parassiti, migliora le funzioni epatiche, riduce la febbre, i raffreddori e rinforza il sistema immunitario. Una ricerca sulle acetogenine annonacee, dei composti naturali di cui è ricca, attribuisce alla graviola proprietà antitumorali. (ulteriori informazioni sulle sue molteplici proprietà in un post precedente).

NON SOLO MAGRI

untitled (2)Davanti all’estate in arrivo e al desiderio di sfoggiare con disinvoltura il costume da bagno non si poteva ragionare molto sulla salute, quindi nel mio blog ho parlato spesso di diete dimagranti che comunque non erano mai troppo restrittive e malsane.
Adesso, che possiamo prendercela con più calma, vediamo di fare le cose per bene.
Non siete riusciti a raggiungere i vostri obiettivi, oppure vi siete lasciati andare alle tentazioni di qualche “all inclusive” di qualche villaggio turistico e avete vanificato tutti gli sforzi?
Niente rimpianti, avete fatto bene a godervi le vacanze! L’importante è ricominciare nel modo più giusto.
Adesso basta con le diete lampo reclamizzate su qualche giornale, che generalmente sono altamente sbilanciate. Anche se fanno perdere velocemente qualche chilo, potrebbero lasciarvi pelle e capelli opachi, unghie fragili ecc.
So per esperienza che il modo più giusto per riacquistare la forma fisica è allontanarsi dall’idea di perdere peso a tutti i costi e focalizzarsi sull’essere sani.
Io ho provato molte diete, anche prescritte da medici, ma finché il mio obiettivo era di dimagrire non ho mai ottenuto un risultato duraturo. Dimagrivo, è vero, ma erano un impegno e una fatica e a un certo punto mi sembrava di essere arrivata alla fine e senza accorgermi tornavo al punto di prima.
La grande svolta è stata quando ho cominciato a interessarmi alla salute. Quando, cioè, ho cominciato a nutrirmi in un certo modo perché era salutare, non perché dovevo dimagrire. Il dimagrimento è stato un piacevole effetto collaterale.

Ecco i cibi buoni:
– Cibi crudi: frutta e verdura, germogli, semi. Contengono enzimi, che sono la forza vitale degli alimenti e mantengono in equilibrio il metabolismo.
– Carboidrati complessi (cereali integrali, ortaggi e frutta). Contengono zuccheri naturali, che il corpo metabolizza lentamente e ci forniscono energia costante più a lungo.
– Cibi biologici, cioè non trattati chimicamente, che ci risparmiano l’assunzione di sostanze tossiche.
– Proteine vegetali, più facilmente assimilabili: quinoa, amaranto, miglio, germogli, legumi.
– Grassi buoni: avocado, semi di lino/girasole/zucca, frutta a guscio, olio di oliva, olio di lino, alghe, pesce. Questi sono acidi grassi essenziali e aiutano a sciogliere il grasso corporeo e il colesterolo cattivo.

Cibi da evitare sono:
– Quelli troppo cotti. Con la cottura si distruggono le vitamine. Il modo migliore per cuocere le verdure è al vapore, 2-3 minuti.
– Carboidrati semplici: cereali raffinati, dolci. L’eccesso viene immagazzinato nel corpo sotto forma di grasso.
– Cibi trattati, ricchi di conservanti e additivi.
– Grassi di origine animale, troppa carne rossa, troppi formaggi grassi. Rendono acido il sangue e appesantiscono la digestione.

Uno stile di vita sano non può prescindere da una moderata ma costante attività fisica!!

Coraggio, dunque, oggi è un buon giorno per iniziare!!

7 FONTI DI PROTEINE

MIGUEL - AVOCADOPer chi è vegetariano oppure vorrebbe diventarlo almeno in parte (vedi post Un po’ più vegetariano),  Dr. Oz suggerisce 7 fonti di proteine in alternativa alla carne:

1) Avocado, che Dr. Oz chiama “il burro della natura”: mezzo avocado contiene 4 g di proteine. Aggiungete delle fettine al panino, darà gusto e nutrimento! Potete assaporarlo anche come dessert (vedi post Frappè di avocado oppure Mousse au chocolat di avocado).

2) Formaggio: 30 g contengono 8 g di proteine (più di 1 uovo). Con frutta oppure un po’ di miele/confettura diventa uno snack sfizioso.

3) Ceci: mezzo bicchiere contiene 7 g di proteine. Potete aggiungerlo alle insalate oppure preparare un delizioso hummus, frullando i ceci cotti con qualche cucchiaio di olio d’oliva, uno spicchio d’aglio, succo di limone, un po’ di cumino in polvere, 2-3 cucchiai di Tahini (salsa di sesamo) e sale. Questa salsa vi potrà invogliare a mangiare verdura cruda a bastoncini.

4) Semi di canapa: 30 g contengono 6 g di proteine (come 1 uovo!) e sono ricchi di aminoacidi essenziali. Ormai si trovano nei negozi bio. Io li macino, perché hanno un guscio duro. Si possono aggiungere ai cereali del mattino, alle minestre  o alle insalate.

5) Piselli: un bicchiere contiene 8 g di proteine (come il burro d’arachidi, che è un’altra fonte di proteine!). In più questa quantità copre l’intero fabbisogno giornaliero di vitamina C e fornisce una buona quantità di fibre, indispensabili per il buon funzionamento dell’intestino e per regolare l’assorbimento dei grassi e degli zuccheri.

6) Semi di zucca: 30 g contengono 9 g di proteine. Si possono aggiungere all’avena o ai cereali della prima colazione oppure come snack pomeridiano.

7) Pomodori seccati al sole, tanto usati in meridione. Un bicchiere fornisce 8 g di proteine. Si possono aggiungere alle salse per condire la pasta oppure potete provare questa salsa:
Mettete a bagno mezzo bicchiere di pomodori secchi in acqua bollente per 10 minuti, poi spezzettateli e frullateli con  1 latta di fagioli bianchi, 50 g di formaggio feta a pezzetti, 3 cucchiai di succo di limone, 2 spicchi d’aglio, sale, pepe e origano. Se necessario aggiungete un po’ dell’acqua di ammollo. Questa salsa è ottima per accompagnare verdure crude tagliate a bastoncini oppure con pita/cracker. Si può conservare in frigorifero per 3 giorni, in un contenitore chiuso.

PER UN SONNO MIGLIORE

Karl Romain, esercizio

Durante il programma del Dott. Oz, Karl Romain, campione mondiale di Kung Fu e maestro di Tai Chi, ha suggerito alcuni esercizi da fare per avere un sonno migliore:

– Mettere le dita delle mani al lato della faccia, nel punto in cui lo zigomo incontra la mascella e premere per qualche secondo. Questo fa rilassare la mascella, che spesso è tesa.

– Riscaldare le mani, poi coprire gli occhi con i palmi per qualche secondo.

– Mettere le mani dietro la testa, sopra il collo, e battere 9 colpi (con entrambe
le mani contemporaneamente)

– Fare profondi respiri con il diaframma: mettere le mani sulla pancia, rilassati, tenere gli occhi e la bocca chiusi, la lingua sul palato. Inspirare con il naso lasciando lo stomaco in fuori.
Espirare mentre tiriamo lo stomaco in dentro.
Questo esercizio rilassa molto e predispone al sonno.

Continua a leggere…

IL SONNO, VERA CURA DI BELLEZZA

dormire beneSul sonno sono tutti d’accordo: é necessario. Durante il sonno si riparano le nostre cellule e si recuperano le energie.
Venice Fulton parla del sonno nel suo libro La Dieta OMG come acceleratore del metabolismo.
Il metabolismo è la velocità con cui l’organismo utilizza l’energia ed è nostro interesse mantenerlo alto perchè significa essere più sani e più magri. Non è facile, perchè tende ad abbassarsi ogni volta che incontra una difficoltà, per esempio una dieta dimagrante, per proteggere il nostro organismo da quello che a lui sembra una carestia in arrivo.
Durante il sonno il metabolismo si abbassa, così il nostro organismo si prende un po’ di pausa. Il sonno ha un effetto regolatore su diverse sostanze chimiche, per esempio l’ormone tiroideo, che regola la velocità di quasi tutte le reazioni chimiche che avvengono nel nostro organismo. Durante la notte anche questo ormone si abbassa, ma al risveglio riparte con più vigore di prima e questo significa avere un metabolismo accelerato. L’ormone tiroideo influisce sulla produzione di calore, infatti dopo una notte insonne si è più freddolosi.
Avere freddo significa che il metabolismo si è abbassato in modo preoccupante – scrive Venice Fulton.
Il sonno ci fa belli: durante la notte negli strati più profondi nascono nuove cellule della pelle, dei capelli e delle unghie, ma ci vogliono 2-3 settimane perchè arrivino in superficie. Le notti insonni potrebbero non avere effetti visibili subito, ma nel tempo porteranno a un colorito spento, capelli opachi, unghie deboli.
Durante il sonno il ritmo con cui le cellule vengono prodotte raddoppia! Inoltre, specialmente nelle prime ore dopo che ci addormentiamo, viene rilasciato l’ormone della crescita, che stimola il rilascio di quasi tutte le altre sostanze chimiche essenziali per rafforzare i muscoli, i tendini e i legamenti e prevenire lesioni e ferite.
L’ormone della crescita brucia grassi mentre dormiamo! Se dormiamo male l’insulina non riesce più a inviare i carboidrati verso i muscoli, con gioia per le cellule adipose, che colgono l’occasione per rimpinzarsi.
La mancanza di sonno accresce il rischio di diabete! La cosa bella è che appena riprendiamo a dormire bene il corpo ricomincia a svolgere correttamente il suo lavoro.
Venice Fulton suggerisce di dormine una volta al giorno, un unico lungo sonno, di notte. Dovremmo andare a dormire più o meno alla stessa ora ed evitare di andare a letto affamati o troppo pieni.

Per un sonno migliore Tim Ferriss consiglia questo frullato:
– 1 tazza di latte ( ricco di calcio, con effetto calmante).
– semi di zucca (ricchi di triptofano che aiuta a sintetizzare la serotonina).
– 1 cucchiaino di miele (con proprietà sedative).
– banana  (ricca di potassio e magnesio, con effetto calmante).

Il consiglio di Doctor Oz è di bere un bicchiere di latte  scremato (contiene triptofano, aminoacido essenziale per l’organismo) con mezzo cucchiaino di noce moscata, prima di andare a dormire.
Inoltre le proteine del latte favoriscono lo sviluppo della massa muscolare, essenziale per bruciare calorie e mantenerci in forma.

Anche l’estratto di ASTRAGALO può aumentare la qualità e la durata del sonno per le sue proprietà tranquillanti. L’astragalo è conosciuto per le sue proprietà benefiche: rafforza il sistema immunitario, previene le malattie infettive, è un adattogeno e quindi aiuta l’organismo ad adattarsi all’ambiente e riduce lo stress, è un protettore del fegato, previene i tumori e aiuta l’apprendimento e la memoria in generale.
Se ne dovrebbero prendere 200 mg al giorno.

Non permettete a niente e a nessuno di impedirvi di fare una bella dormita! (Venice Fulton)

Navigazione articolo