Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “seitan”

LE PROTEINE: I MATTONI DEI NOSTRI MUSCOLI

Le proteine sono i mattoni che costruiscono il nostro apparato muscolare e servono tra l’altro per il rinnovamento dei globuli rossi, per la resistenza alle infezioni, per la cicatrizzazione delle ferite, per il funzionamento della memoria e per la crescita delle unghie e dei capelli.

Il nostro organismo non dispone di mezzi metabolici per sintetizzare delle proteine e quindi è necessario assumerle con l’alimentazione.

Si trovano nei legumi, seitan e tofu e non contengono colesterolo, oppure nei formaggi, pesce, pollo e  carni rosse.
Abbiamo bisogno di  circa 1 g di proteine per ogni Kg di peso. Se l’apporto con l’alimentazione è insufficiente, l’organismo  è costretto ad attingere alle proprie riserve: i muscoli, la pelle e persino le ossa. La loro digestione è la più lunga e laboriosa.
Nel caso di una dieta dimagrante le proteine sono d’aiuto in quanto la lentezza della digestione e dell’assimilazione ritarda lo svuotamento gastrico e aumenta la sensazione di sazietà.

Inoltre hanno una buona resa: per ottenere 100 calorie da un alimento proteico se ne consumano circa 30 per il metabolismo, a differenza dei lipidi, che richiedono 12 e dei glucidi, che hanno bisogno soltanto di 7 calorie.

L’albume dell’uovo rappresenta la forma più pura e completa di proteine fino a oggi conosciuta. Il tuorlo contiene vitamine del gruppo B e minerali come ferro e calcio, ma é anche ricco di colesterolo e trigliceridi, quindi non si dovrebbero consumare più di 2-3 uova alla settimana, comprese quelle usate in cucina per dolci, creme o per impanare.
Il bianco non contiene colesterolo e si può mangiare liberamente, per esempio in una omelette fatta con 1 uovo intero e 2-3 bianchi.

Per essere metabolizzate, le proteine hanno bisogno di una grande quantità di acqua. L’alimentazione a base di proteine facilita la diuresi e l’eliminazione di acqua dai tessuti, ragion per cui si usa spesso nelle diete dimagranti.
Non bisogna eccedere però nel consumo di proteine perchè il loro metabolismo rilascia molti corpi chetonici, tossici per l’organismo, che danno un superlavoro ai reni.
Dopo un pasto ricco di proteine é meglio evitare il bagno in acqua fredda, perché la differenza di temperatura potrebbe causare una congestione.
Le proteine sono consigliate agli sportivi, che sollecitano particolarmente il loro corpo.
Per rimanere sani e pieni di energia dobbiamo seguire una dieta bilanciata e varia, con un occhio di riguardo alle quantità.

Annunci

SEITAN

Ho utilizzato il seitan diverse volte da quando mi sono orientata verso una dieta vegetariana.
Dalla mia amica Giorgia ho saputo, con mia grande sorpresa,  che il seitan si può fare in casa!
Il Seitan è un alimento proteico usato inizialmente in Cina da monaci buddisti, poi importato in Giappone, con il nome di kofu.
Molto versatile, assorbe bene gli altri ingredienti con cui viene cucinato, quindi può avere un sapore più deciso o più delicato, a seconda dei gusti.
Essendo un prodotto a base di glutine, non è indicato per le persone affette da celiachia. Inoltre è carente di aminoacidi come lisina e treonina. Per il giusto assorbimento è necessario abbinarlo a legumi, uova o formaggio nei pasti precedenti o successivi.
Nella preparazione si utilizza l’alga kombu, ricca di magnesio, ferro, iodio e fosforo, salsa di soia e zenzero per stimolare la digestione del glutine e verdure per arricchire di vitamine il piatto.
Come valore energetico si avvicina alla carne, ma è completamente privo di colesterolo.
Si ottiene dalla farina (meglio se integrale), alla quale si toglie l’amido.
Rimane un concentrato di glutine, dalla consistenza un po’ spugnosa, che si può tagliare a fette e cucinare come fareste con la carne : grigliato, impanato, a spezzatino, a ragù, a polpettine, etc.
Vi servono:
1 Kg di farina integrale
2 cucchiai di sale marino o integrale
4 cucchiai di salsa di soia (tamari, shoiu…), profumi (alloro, sedano, ginepro… quello che vi piace)
acqua per ottenere un impasto dalla consistenza morbida, ma non appiccicosa.
Si mette la farina in un recipiente e si impasta aggiungendo man mano dell’acqua calda.
Evitate di incorporare subito tutta la farina, perché continuando a impastare si assorbe e l’impasto non rimane troppo molle, ma liscio ed elastico.
Si lascia riposare la pagnotta per un’ora, poi si copre di acqua fredda e si lascia riposare ancora un’ora, tempo di cui potete approfittare per fare altre cose 🙂
Si prende un colapasta fitto, o un colino un po’ grande, e si fa scorrere l’acqua sopra, mentre si continua a impastare la pagnotta. Si lava finché esce tutto l’amido e l’acqua rimane limpida.
Vi è rimasto il seitan!
Cercate di dargli una forma un po’ allungata, avvolgetelo in un panno (meglio di lino) in modo che non si rompa durante la cottura e mettetelo in una pentola, coperto d’acqua.
Aggiungete il sale, la salsa di soia e i profumi che vi piacciono e che daranno più gusto al vostro seitan.
Fate bollire per 40 minuti circa, girando ogni tanto, in modo da cuocere uniformemente, anche perché tende a galleggiare.
Toglietelo dal panno (non bruciatevi), tagliatelo a fette e mettetelo in un recipiente (barattolo) coperto dal liquido di cottura finché si raffredda, poi in frigo.
Durerà 4-5 giorni, oppure si può congelare, dopo averlo scolato bene.
Ho provato soddisfazione a farlo da sola e poi sono sicura degli ingredienti.
Se volete provate anche voi e ditemi qualcosa.

Navigazione articolo