Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “Dr. Kristin Kirkpatrik”

LA DIETA DASH

come-stringere-dei-jeans-in-vita_f4b9e2d4de5c3a4175540a4ef7a81a09Non siete arrivati alle vacanze con la forma fisica sperata, oppure avete esagerato un po’ con i pranzi a buffet che offrono certi villaggi turistici? E’ il momento di rimetterci al lavoro, così non succederà più che il grigio inverno e le feste natalizie aggiungano altri chili a quelli che già riempiono troppo i nostri jeans.
Vi propongo quindi la dieta DASH.
Tranquilli, non ha a che fare con il detersivo 🙂
DASH è l’acronimo di Dietary Approaches to Stop Hypertension. Infatti questa dieta è nata per curare la pressione alta e si è scoperto che migliora la salute in generale e fa anche dimagrire. E’ nata nel 1990, ma continua ad avere l’approvazione dei medici nutrizionisti perché è facile da seguire, è nutriente, è basata su un’alimentazione sana ed equilibrata, non ha nessun tipo di controindicazione o di effetto collaterale e garantisce una perdita di peso nel breve e nel lungo periodo.
Durante lo show del Dr. Oz sono intervenuti i dottori Adam Glasgow, Caroline Apovian, Kristin Kirkpatrik e Marta Heller, autrice del libro The DASH Diet Action Plan, tutti concordi sui benefici di questa dieta: abbassa la pressione del sangue, abbassa il colesterolo cattivo LDL, previene le malattie cardiovascolari e il diabete e fa dimagrire.
Si può dire che solo le prime due settimane si possono considerare “dieta”, poi è solo uno stile di vita con cui tutti noi dovremmo abituarci, per essere sani e in forma.

Le prime 2 settimane della  dieta DASH devono rispettare 4 regole:
1) Consumare alimenti a basso contenuto calorico, per esempio vegetali non amidacei.
2) Limitare i grassi saturi e aumentare le proteine magre, per esempio petto di pollo, formaggio magro, fagioli.
3) Usare grassi buoni, per esempio quelli Omega 3 del salmone, olio d’oliva e avocado.
4) Rinunciare a zuccheri e amidi per stabilizzare il livello di zuccheri nel sangue ed evitare i picchi glicemici. Per questo motivo nelle prime due settimane bisogna evitare anche il consumo di frutta.

Alcuni suggerimenti:
– I carboidrati, anche se integrali, si devono evitare nelle prime 2 settimane della dieta.
– Il caffè si deve prendere solo ai pasti.
– Bisogna privilegiare gli alimenti freschi e iposodici ed evitare i cibi già pronti o in scatola perché contengono molto sale. Comunque bisogna leggere attentamente le etichette. “Senza sale aggiunto” non significa che quel cibo è privo di sale, ma che non hanno aggiunto dell’altro.
I salumi, le salse, i sottaceti e i cibi affumicati o stagionati contengono molto sale.
– Usare le erbe profumate e le spezie (ricche di antiossidanti), aceto, succo di limone o di lime per insaporire i piatti.

Dopo le prime due settimane si possono usare tutte queste categorie di alimenti:
– Cereali integrali (pane, pasta, riso ecc.): 6-8 porzioni al giorno. Contengono carboidrati complessi, che danno energia, e fibre.
– Frutta e verdura: 4-5 porzioni al giorno. La frutta e la verdura contengono potassio, che fa abbassare la pressione e in più contengono vitamine, minerali e fibre, che danno un piacevole senso di sazietà.
– Latticini magri, yogurt: 2-3 porzioni al giorno. Contengono calcio e proteine salutari.
– Pesce, pollo, maiale magro, frutti di mare: 170 g al giorno.
– Noci, mandorle, anacardi, semi, legumi: 4-5 porzioni alla settimana (non al giorno). Contengono proteine e grassi buoni per la dieta e per il cuore.
– Dolci: 5 volte alla settimana. Questa è una dieta flessibile, non restrittiva, quindi è permesso qualche “peccato”, ma è sempre bene scegliere dolci più salutari (se volete potete trovare “ispirazione” nella sezione “ricette”). Un  bicchiere di vino equivale a una porzione di frutta (la frutta sazia di più, ma anche il vino ha il suo perché 🙂 Scegliete voi.).

Concludendo, la dieta DASH è una dieta equilibrata, basata su alimenti sani di cui il nostro corpo ha bisogno. Non si elimina un gruppo particolare di cibi per un periodo prolungato di tempo, ma si impara ad alimentarsi in modo sano e nelle giuste proporzioni e si perde peso senza recuperarlo.

Come avete visto, sono previste molte porzioni al giorno. Questo perché dovremmo fare un PICCOLO pasto ogni 3 ore, come tutte le diete ci suggeriscono negli ultimi tempi. Se mangiamo poco e spesso evitiamo di avere un calo di zuccheri nel sangue e saremo energici e mai affamati (la fame fa brutti scherzi!).

 

D’ESTATE E’ PIU’ FACILE!

imagesGli esperti sostengono che nei mesi estivi è più facile dimagrire, perché siamo circondati da frutta e verdura. Il sole e la luce aumentano il nostro buonumore e siamo più “volenterosi”,  in più le giornate più lunghe ci danno più tempo per occuparci di noi stessi.
D’inverno il freddo ci spinge verso cibi più consistenti, le giornate corte ci riducono il movimento all’aria aperta e tendiamo a prendere un po’ di peso, che andrà a sommarsi a quei 2-3 kg che dobbiamo perdere ORA.
Al lavoro dunque!
Quando si fa una dieta tutti noi incontriamo qualche ostacolo e prima li individuiamo, prima potremo raggiungere i nostri obbiettivi.
La Dottoressa Kristin Kirkpatrik, nutrizionista, ospite allo show del Dr. Oz, li classifica in 3 categorie: dipendenza da cibi spazzatura, fame da stress e percezione distorta delle porzioni.

– Dipendenza da cibi spazzatura.
Questi cibi possono essere i dolciumi, le patatine fritte e troppi carboidrati in generale. I dipendenti da questi cibi mangiano senza pensarci, in tutte le occasioni.
Un consiglio della Dr. Kirkpatrik è di sostituire un cibo di questo tipo con uno sano, per esempio le patatine solite con sfoglie di rapa.
Ecco la preparazione:
Si tagliano a fette le rape, si cospargono con poco olio d’oliva e un po’ di sale marino e si cuociono nel forno per 25 minuti, girandole.
Le rape hanno un contenuto di carboidrati molto più basso delle patate.
Io consiglio anche i bastoncini di melanzane o di zucchini (vedi post).
Un altro consiglio della dott.ssa è di mangiare ogni mattina lo stesso cibo, per esempio 1 uovo sodo su una fetta di pane integrale, con del pepe nero. Il pepe nero contiene peperina, che previene la formazione delle cellule grasse.

– Fame da stress.
Chi è stressato cerca cibi che possano dare gli stessi effetti di quando si è sereni.
Ecco un sostituto dei cibi di conforto: hummus di patate dolci con prezzemolo:
430 g di patate dolci cotte, 120 g di peperoni arrostiti, 3 cucchiai di succo di limone, aglio. Frullare (o passare), aggiungere sale e prezzemolo. Si può accompagnare con crostini di pane integrale.
Questo hummus abbassa lo stress perché è ricco di carboidrati complessi, che saziano e soddisfano. Il prezzemolo ha un’azione diuretica e attenua il gonfiore addominale.
Un altro cibo-sostituto è il ghiacciolo, al posto del gelato.
Ecco la ricetta: frullare 1 tazza di latte di mandorla, 1 banana, 2 pesche mature, 1 cucchiaino di nettare d’agave (o di miele), un po’ di vaniglia, un po’ di cannella e un pizzico di noce moscata. Congelare nelle formine da ghiacciolo. Il latte di mandorla e la banana danno cremosità, le pesche insieme al nettare addolciscono, le spezie profumano e accelerano il metabolismo (vedi anche “Gelato dietetico“).

– Percezione distorta delle porzioni.
A volte perdiamo il controllo delle porzioni e la dott.ssa Kirkpatrik suggerisce di usare un integratore, amidoresistente, che è estratto da banane, fagioli o mais e si trova sotto forma di polvere, da aggiungere ai cibi. In questo modo aumenta la massa di ciò che mangiamo, si raggiunge la sazietà e non si ha più voglia di sgranocchiare tra i pasti.
Ecco un dessert: mescolare 170 g di yogurt greco con 1 cucchiaio di polvere amidoresistente e mettere nel bicchiere o coppetta da dessert. Mescolare 280 g di frutti di bosco misti con 1 cucchiaino di nettare d’agave (o miele) e far cuocere brevemente al microonde. Lasciare raffreddare i frutti  di bosco e versare sullo yogurt.
Questo può essere uno spuntino prima di un’occasione in cui si mangia, così sarete più contenuti.

Altro consiglio: non mangiate se non avete un po’ di fame, ma non aspettate di essere affamati. In più cercate di individuare il momento in cui siete sazi, non aspettate di essere troppo pieni.

 

Navigazione articolo