Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “cumino”

IL CUMINO, LA SPEZIA BRUCIA-GRASSO

CUMINOSe stai cercando di perdere peso, è il caso di controllare l’armadietto delle tue spezie.

Negli ultimi tempi i nutrizionisti raccomandano il loro utilizzo per dare sapore ai piatti riducendo la quantità di sale, oppure per le loro proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Il cumino si è fatto avanti dimostrando di essere in grado anche di bruciare i grassi. Lo ha stabilito uno studio dell’Università iraniana Shahid Sadoughi. L’esperimento ha preso in esame 88 donne obese o in sovrappeso, per 3 mesi. Le donne sono state divise in due gruppi. Entrambi i gruppi hanno avuto una riduzione dell’apporto calorico di 500 calorie e lo stesso tipo di alimentazione. A un solo gruppo, però, sono stati somministrati 3 g di cumino al giorno (l’equivalente di un cucchiaino). Alla fine dello studio le donne che avevano assunto cumino pesavano mediamente 1,4 kg in meno rispetto alle altre (che non avevano assunto cumino). In più avevano ridotto la massa grassa del 14,64%.

Le virtù di questa spezia non si fermano qui! Infatti è stato dimostrato che il cumino è in grado di aumentare il colesterolo buono HDL e di diminuire il colesterolo cattivo LDL. Questo grazie ai fitosteroli che i semi di cumino contengono, sostanze che impediscono l’assorbimento del colesterolo nel flusso sanguigno. Per lo stesso motivo il cumino riesce a controllare anche la glicemia e il livello dei trigliceridi nel sangue.

In realtà le virtù del cumino erano conosciute fin da tempi antichi dalla medicina tradizionale indiana, l’Ayurveda. Infatti si coltiva in posti caldi come India, Iran, Turchia, Egitto, ma anche Messico, Cile e Cuba.

Si utilizzano i semi della pianta e le proprietà si mantengono meglio nel seme intero, piuttosto che macinato. Se viene macinato è bene conservare la polvere nel frigorifero, perché gli olii essenziali di cui il cumino è ricco sono facilmente deteriorabili.

Vediamo alcune delle sue proprietà benefiche:

Il cumino è ricchissimo di ferro e ha proprietà antiossidanti, che contrastano l’azione dei radicali liberi e rallentano l’invecchiamento cellulare. Inoltre stimola il Sistema Immunitario e aiuta il buon funzionamento del fegato.

Insieme con altre spezie come zenzero, cannella, finocchio, curcuma e pepe nero svolge un ruolo disintossicante dell’organismo.

E’ tra gli ingredienti del curry e del masala, si usa nella preparazione del pane, per marinature, per preparare salse piccanti e condimenti per patate.

Il cumino aiuta la digestione e previene la formazione di gas intestinali, infatti viene usato moltissimo per i piatti a base di legumi, come per esempio i fagioli o i falafel di ceci.

Ha proprietà antinfiammatorie e sedative e si usa per calmare i dolori addominali, ma anche per l’irritazione della pelle. L’olio essenziale viene utilizzato per disturbi alle vie respiratorie, massaggiato sul petto o per fare suffumigi.

Un sacco di motivi per consumare cumino!

 

 

 

Annunci

LA ZUPPA-MEDICINA DEL DOTT. WEIL

passata antiossidante 10aAndrew Weil, scrittore di libri sulla salute, come “True food”, e sostenitore della medicina alternativa naturale, cerca di diffondere l’idea che il cibo è il nostro migliore alleato per restare in salute. Durante la trasmissione televisiva del Dott. Oz Andrew Weil ha parlato dell’infiammazione che, secondo lui, è alla base della maggior parte delle malattie, per esempio quelle cardiovascolari, Alzheimer, cancro ecc. L’infiammazione è un meccanismo di difesa che il nostro corpo usa per guarire: manda più nutrimento (sangue) nella zona che ne ha più bisogno. Per questo la parte interessata diventa rossa e gonfia. L’infiammazione però è distruttiva e se persiste può danneggiare i tessuti e causare la malattia. L’alimentazione ricca di grassi saturi e di zuccheri semplici, lo stress, la mancanza di sonno o di attività fisica può causare l’infiammazione. Per contrastarla dovremmo usare certi alimenti con proprietà antinfiammatorie come le crucifere (cavolo, cavolfiore, broccoli ecc.) e spezie, specialmente curcuma e zenzero (vedi post “La farmacia in cucina“). Ha insegnato anche a fare una zuppa-medicina.
Ieri pioveva e faceva freddo, l’insalata aveva perso il suo fascino, una minestra calda mi ispirava di più. Forse anche per questo mi è venuta in mente la zuppa “antinfiammatoria” del Dott. Weil. (In più da un paio di giorni un cavolfiore cercava di attirare la mia attenzione dal frigo). Mi sono messa al lavoro armata di volontà e pazienza, ma in realtà è stato facile e veloce.
Ecco la mia zuppa!
Ingredienti:
– 1 Cavolfiore medio/piccolo.
– 1 Cipolla tritata.
– 2 Cucchiai d’olio d’oliva.
– 1 Cucchiaino di curry.
– 1 Cucchiaino di curcuma.
– 1 Cucchiaino di zenzero.
– 1 Cucchiaino di cannella.
– 1 Cucchiaino di cumino.
– 1 Cucchiaino di zucchero di canna grezzo.
– 50 g  di anacardi.
– Sale, pepe, coriandolo fresco (o prezzemolo).
– Acqua calda.

Preparazione:
– Mettete a soffriggere la cipolla tritata con l’olio d’oliva.
– Aggiungete tutte le spezie (tranne il coriandolo).
– Aggiungete il cavolfiore a ciuffetti.
– Fate insaporire e coprite con acqua calda.
– Fate cuocere a fuoco basso per 20 minuti.
– Mentre la zuppa cuoce frullate gli anacardi con acqua calda. (Mettete l’acqua a poco a poco, in modo che venga una pasta con una consistenza simile a quella della panna).
– Quando la zuppa è cotta frullatela (con un frullatore a immersione è più comodo), finché diventa come un purè un po’ più liquido.
– Servite la zuppa con un po’ di questa crema di anacardi e con coriandolo (o prezzemolo) fresco.

Ha un sapore piccante, ma delicato. La crema di anacardi è una carezza sul palato! Adoro la cannella e la uso nei dolci con le mele o con il cioccolato, ma non l’ho mai usata per piatti salati: devo dire che bilancia il sapore più deciso del curry e dello zenzero. In più ha molte proprietà benefiche (vedi post.) La curcuma è un potente antiossidante e antinfiammatorio (vedi post), e ha bisogno del pepe nero per attivare le sue proprietà. Lo zenzero è un potente antinfiammatorio. Abituatevi a tenere in casa queste spezie!

Per particolari sulla preparazione di altre ricette, vi aspetto su Facebook!

Navigazione articolo