Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “colazione sana”

LE MIE FRITTELLE “PALEO”

FRITTELLE paleoLa prima colazione è importante, perché ci dà energia per la giornata, specialmente dopo un digiuno di 10-12 ore. Il metabolismo riparte e il nostro organismo si prepara per svolgere al meglio tutte le sue funzioni.
Vi piacerebbe una bella colazione con frittelle appena spadellate?
Lo so, siamo quasi nella bella stagione, abbiamo bisogno di perdere quei 2-3 kg che il freddo e la noia dell’inverno ci hanno regalato anche questa volta, dobbiamo fare la dieta…
Tranquilli, è tutto calcolato.
Una buona colazione deve contenere tutti i macronutrienti di cui abbiamo bisogno: proteine, carboidrati e grassi. Noi non faremo altro che unire tutti questi alimenti e fare delle buonissime frittelle!
Le ho chiamate “Paleo”, perché rispettano i principi dell’alimentazione prevista per la dieta Paleo o comunque quelli di qualsiasi dieta dimagrante, che deve ridurre i carboidrati semplici (zucchero e farine, cioè biscotti, torte, brioches ecc.) Vi servono: 2 banane mature grandi, 3 uova, 5-6 cucchiai di farina di cocco e olio di cocco per ungere la padella.

Preparazione:

  • Mettete le banane in una ciotola e con la forchetta sminuzzatele fino a farle diventare una crema.
  • Aggiungete le uova e mescolate bene.
  • Aggiungete a cucchiaiate la farina di cocco, fino a ottenere un composto da versare, ma non troppo liquido.
  • Lasciate riposare il composto per almeno mezz’ora prima di cominciare a friggere le frittelle.
  • Ungete una padella antiaderente piana e quando è ben calda versate il composto (mezzo mestolo per frittella).
  • Fate asciugare le frittelle e poi giratele, per farle cuocere da ambo i lati.

Vanno bene anche fredde, per uno snack di mezza mattina o mezzo pomeriggio, perché hanno le proteine delle uova, i carboidrati salutari della frutta (banane) e olio buono, che inoltre ha un alto punto di fumo e quindi non sviluppa sostanze tossiche.

Se non trovate farina di cocco, vanno bene anche le scaglie, eventualmente frullatele.

Se avete un po’ di tempo, potete preparare una bella quantità: si conservano bene nel frigo per qualche giorno oppure le potete anche congelare, così ogni volta che avrete voglia di un dolce lo avrete a portata di mano e non farà danni alla vostra dieta!

 

COLAZIONE SANA CON PANCAKES

Se volete dare un dolce risveglio ai vostri cari, preparate dei pancakes per colazione.pancakes 2
Il loro profumo si diffonderà per tutta la casa (aprite le porte e chiudete le finestre!) e sarà bello per voi vederli arrivare in cucina con gli occhi assonnati e con il sorriso sulle labbra.
Questa ricetta (proposta allo show televisivo del Dr. Oz dallo chef di  successo  Sam Talbot), è ideale per una colazione energetica, completa di tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno: proteine (uova, ricotta), carboidrati (farina, frutta), fibre.

Ingredienti:

– 250 g di farina di grano integrale (contiene calcio e fibra)
– 2 uova
– 250 g di ricotta
– 200 g di salsa di mele
– Scorza di limone
– 2 cucchiai di nettare d’agave
– Stevia (a piacimento)
– 1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
– 1/2 cucchiaino di bicarbonato
– qualche cucchiaio di latte o latte di mandorla

Esecuzione:
Sbattete i bianchi d’uovo a neve e teneteli da parte.
Frullate le mele con un po’ di latte (o latte di mandorla).
In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti umidi finchè si ottiene una crema.
Incorporate gli albumi.
Aggiungete la farina, la scorza di limone, il lievito e il bicarbonato e mescolate delicatamente, finchè si ottiene la consistenza necessaria per fare i pancakes.
In una padella antiaderente e possibilmente piatta appena unta d’olio versate il composto a cucchiaiate e formate i pancakes.
Cuocete su ambo i lati per qualche minuto.

Questi pancakes non contengono zucchero semplice, ma stevia e nettare d’agave, e quindi vanno bene anche per chi è affetto da diabete.

La stevia è un dolcificante naturale, estratto dalla pianta con lo stesso nome, che ormai si trova nei supermercati. Ha un retrogusto di liquirizia. Se non la usate potete aumentare la quantità di nettare d’agave oppure aggiungere un po’ di miele per addolcire i vostri pancakes.
Per la salsa di mele ho pulito le mele (200g) e le ho frullate con un po’ di latte di mandorla.
Sam ha usato panna acida, ma si possono servire anche con un po’ di sciroppo d’acero o cioccolato fuso sopra.

Ai miei figli sono piaciuti molto 🙂

 

MUFFIN AL MICROONDE

muffin al microondeQuesto muffin contiene un insieme di ingredienti per una colazione proteica, sana ed energizzante.
La sua particolarità è che si prepara al microonde in 1 minuto!
La ricetta è stata presentata nel programma televisivo del Dr. Oz da Jorge Cruise, istruttore di fitness e autore di libri sulla salute e bellezza, come The Belly Fat Cure, Body at Home, 8 Minute in the Morning e altri. Lui lo chiama “muffin snello”.

Ingredienti:
1 uovo
1 cucchiaino di olio di cocco
2 cucchiai di semi di lino macinati
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di cacao amaro in polvere
1 cucchiaino di polvere lievitante
1 bustina di stevia (dolcificante naturale)

Esecuzione:
Si mescolano tutti gli ingredienti in una tazza.
Si mette al microonde (a 100) per 1 minuto.
Si toglie dalla tazza e si serve.

Si fa prima a farlo che a descriverlo, è il caso di dire!
L’olio di cocco raggiunge il cervello senza stimolare la produzione di insulina (e non si deposita sotto forma di grasso), i semi di lino sono ricchi di grassi Omega 3 (antiossidanti, buoni per l’organismo), l’uovo dà delle buone proteine, la cannella mantiene stabili gli zuccheri nel sangue, il cacao contiene polifenoli e stimola il metabolismo.

Se non trovate l’olio di cocco viene bene anche con un altro olio dal gusto delicato. Io l’ho fatto anche con l’olio di sesamo.
Se non gradite la stevia (ha un retrogusto di liquirizia) potete mettere un po’ di zucchero di canna. Il segreto di Jorge è di non superare i 15 g di zucchero al giorno.

L’ho trovato appagante, viene abbastanza grande e ha una bella consistenza.

Per dettagli sulla preparazione di questa ed altre ricette chiedetemi l’amicizia su Facebook!

 

Navigazione articolo