Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivio per il tag “Anna Richardson”

BICCHIERI ALTI E STRETTI PER DIMAGRIRE

esperimentoi_bicchieri1Se volete dimagrire, anche la scelta dei bicchieri in cui prendete il vostro drink ha la sua importanza.
Lo afferma il Dott. David Lewis, psicologo inglese, che insieme alla giornalista e scrittrice Anna Richardson ha fatto un esperimento per dimostrare la sua tesi:
Ha raccolto un gruppo di volontari e a ciascuno (separatamente), ha chiesto di versare uno shot (la porzione che si dà normalmente al bar) in un bicchiere. A metà dei partecipanti ha dato un bicchiere alto e stretto e all’altra metà ha dato un bicchiere basso e largo, ma dalla stessa capacità.

Man mano che l’esperimento proseguiva, il Dott. Lewis versava il contenuto dei bicchieri in caraffe diverse (una per i drink dei bicchieri alti e stretti e l’altra per i drink dei bicchieri bassi e larghi.
Alla fine hanno visto che la caraffa dei bicchieri bassi e larghi conteneva almeno un terzo di liquido in più dell’altra.
Il Dott. Lewis ha spiegato che la forma del bicchiere inganna il cervello, per un’illusione ottica.

esperimento_bicchieri2Questo esperimento mi ha incuriosita e, per gioco, l’ho fatto anch’io.
Il mio volontario non sapeva qual era il test. Gli ho chiesto di versare da bere, poi ho allontanato il bicchiere e, dopo un po’, gli ho chiesto la stessa cosa, dandogli un bicchiere di forma diversa.

Devo dire che il Dott. Lewis aveva ragione: il bicchiere basso e largo conteneva più liquido.
Si tende a versare un certo quantitativo della bevanda, guardando lo spessore (diciamo un dito di alcol), indipendentemente da quanto il bicchiere sia largo o stretto.

Quindi, se volete consumare meno calorie, scegliete un bicchiere alto e stretto per i vostri strappi alla regola!

Annunci

SCEGLIETE IL PIATTO GIUSTO!

2014-02-14 16.14.09Quando vogliamo dimagrire dobbiamo fare attenzione a tutto ciò che può sabotare la nostra dieta oppure, al contrario, ci aiuta a percorrere il nostro cammino senza troppe difficoltà.
Anche il piatto in cui mangiamo può dare il suo contributo, come sostiene il Dott. David Lewis, psicologo inglese che ha uno spazio nel programma televisivo Bugiardi a dieta, insieme con Anna Richardson, giornalista e scrittrice.
Guardando la foto a lato, quale fetta di torta vi sembra più grande?
Adesso state in guardia, non volete cadere nel tranello, ma normalmente si risponderebbe subito “quella del piatto piccolo”.
In realtà, come potete vedere nella foto in basso, le fette sono uguali, ma per un’illusione ottica sembrano diverse: la torta riempie generosamente il piatto piccolo, mentre ha un’aria un po’ triste e solitaria nel piatto grande.
Tutti noi mangiamo con gli occhi prima di tutto e il Dott. David Lewis ha fatto un esperimento per dimostrare come la percezione delle dimensioni di una porzione influisca sulla nostra sensazione di appagamento:
Ha raggruppato dei volontari e ha consegnato a metà di loro delle coppe piccole e all’altra metà delle coppe grandi, poi ha offerto del gelato a volontà. L’unica cosa che chiedeva loro era di far pesare il gelato prima di consumarlo, in modo che lui potesse tenere il conto delle quantità.2014-02-14 16.15.39
Alla fine ha intervistato alcuni partecipanti e ha costatato che tutti si ritenevano soddisfatti, anche chi ha avuto la coppa piccola.
Come potete immaginare, il gruppo con la coppa grande ha consumato il 45% in più di gelato rispetto al gruppo con la coppa piccola.
La teoria del Dott. Lewis è che sono gli occhi a dirci quanto grande è una porzione, in base al piatto che usiamo. Se il piatto è grande tendiamo a riempirlo. Se riempiamo un piatto piccolo ci sembrerà una buona porzione e man mano che andiamo verso la fine il nostro cervello si prepara a sentirsi appagato.

Quindi, piatti piccoli per dimagrire!
Leggi anche post precedente.

 

Navigazione articolo