Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivi per il mese di “settembre, 2013”

PANCIA PIATTA CON I PALLONCINI

pallonciniCapita che le  cellule adipose si localizzino in certi punti e questo ci stressa.  Sono piuttosto rare in realtà le persone che hanno il grasso distribuito uniformemente su tutto il corpo (ma anche loro devono stare attente perchè possono essere uniformemente grasse :)).
Non dobbiamo perdere la pazienza, tutte le cellule adipose possono sgonfiarsi.

Prendiamo d’esempio la pancia. Abbiamo già visto (post LA DIETA OMG DI VENICE A. FULTON) che per perdere grasso si devono coinvolgere più muscoli possibile contemporaneamente. Più muscoli usiamo e più energia consumiamo. In questo modo perdiamo grasso in tutto il corpo, anche nelle zone che non usiamo molto. Ecco perchè fare centinaia di addominali non ci aiuta a perdere la pancetta. Fare addominali coinvolge una piccola quantità di muscoli e di conseguenza fa bruciare una piccola quantità di grasso corporeo.

Con questo non voglio dire che non si devono fare addominali!
Gli esercizi aiutano a sviluppare i muscoli che si fanno lavorare, il che è una buona cosa (più muscoli abbiamo e più il nostro metabolismo accelera).
Perdendo grasso, i muscoli resteranno scoperti, quindi più visibili, e dei muscoli tonici renderanno il corpo più armonioso.
Una bella tartaruga è il risultato di alimentazione corretta, movimento e addominali. Se invece si continua a fare solo addominali, la tartaruga resterà sepolta sotto il grasso.

Per avere un addome tonico Venice Fulton suggerisce degli esercizi un po’ particolari, che fanno lavorare il muscolo trasverso: gonfiare palloncini.
Se volete provare, ecco le istruzioni:
Dovete cominciare con quelli più facili da gonfiare e poi passare a quelli che oppongono più resistenza.
Per fare questo esercizio bisogna aspettare qualche ora dopo aver mangiato, perchè con lo stomaco pieno non si riesce a soffiare forte. Inoltre dovete avere un abbigliamento comodo e stare in piedi.

Il primo soffio deve essere forte, ma si deve soffiare progressivamente. Poi dovete lasciare sgonfiare il palloncino e ricominciare. Inizialmente gonfiate il palloncino per 10 volte e aumentate ogni giorno di due, fino ad arrivare a 20. In seguito gonfiate il palloncino per 20 volte, aspettate 3 minuti e gonfiatelo per alre 20 volte.  Quando inspirate dovete far espandere il più possibile la cassa toracica in basso (controllate allo specchio).
Questo esercizio fa lavorare un muscolo opponendosi a una forza (la tensione del palloncino), come con i pesi, quindi i muscoli hanno bisogno di riposo per recuperare e rafforzarsi. Per questo sarebbe opportuno esercitarsi un giorno sì e uno no, possibilmente alla sera. La respirazione profonda stimola il rilascio dell’ormone della crescita, che vi rigenera.
Quando avrete ottenuto i risultati desiderati si può fare questo esercizio soltanto una volta alla settimana, per mantenere l’addome tonico.

Mi viene in mente un esercizio in alternativa per chi trova i palloncini troppo duri, che si fa per curare l’asma:
Si prende una bottiglia da 1-2 litri e una cannuccia grande (20 cm circa). Si riempie la bottiglia d’acqua lasciando un po’ di spazio e vi si immerge la cannuccia per metà. Si soffia (come per gonfiare palloncini :)). Si ripete per un po’ di volte, aumentando progressivamente ogni giorno.
Non può sostituire i palloncini?

La respirazione profonda potrebbe causare capogiro. Inoltre se avete problemi di pressione alta o qualche ernia è meglio rinunciare.
State sempre attenti ai segnali del vostro corpo!

Annunci

UOVA A COLAZIONE PER DIMAGRIRE

Timothy Ferriss, nel suo libro 4 Ore Alla Settimana Per Il Tuo Corpo, parla delle uova come valido aiuto nella dieta dimagrante.
Le uova forniscono proteine, grassi buoni, vitamine A,D,E e minerali come ferro, e zinco.
Le uova a colazione forniscono energia e saziano a lungo, impedendoci di arrivare troppo affamati all’ora di pranzo.
Le loro virtù vanno oltre: aiutano a dimagrire!

Diversi esperimenti hanno evidenziato che mangiare uova produce un aumento del metabolismo basale e di conseguenza una maggiore perdita di peso.
In uno di questi esperimenti un gruppo di donne in sovrappeso ha consumato per otto settimane ogni giorno due uova per colazione, mentre un altro gruppo no. Il risultato è stato che le donne che hanno consumato uova a colazione hanno perso il 65%  di peso in più rispetto al gruppo che non le ha consumate.
Non solo, ma da questo esperimento si è capito che le uova aiutano a perdere il grasso addominale, infatti hanno constatato una riduzione più elevata dell’83% della circonferenza vita.
Un’altra cosa importante è che non sono state rilevate differenze significative nei livelli di colesterolo LDL, HDL e dei trigliceridi.

Il tuorlo contiene colina, che aiuta e protegge il fegato e favorisce il dimagrimento. La colina viene metabolizzata come betaina, che riduce lo stato infiammatorio causato dallo stress ossidativo.

Io sapevo che le uova contengono molto colesterolo e che dobbiamo limitarne il consumo a 2-3 alla settimana. Ultimamente le hanno rivalutate, dicono che il loro colesterolo è facilmente metabolizzabile. I loro grassi, anche se di origine animale, sono costituiti soprattutto da grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono benefici per l’organismo. Inoltre contengono lecitine, ottimi emulsionanti dei lipidi, che favoriscono il trasporto inverso del colesterolo, cioè dalle arterie al fegato, aumentando l’attività del colesterolo buono HDL.
Tim raccomanda le uova biologiche, dice che contengono meno colesterolo.

Le galline meno stressate fanno uova più sane!

TORTA DI FAGIOLI NERI E CIOCCOLATO

torta di fagioliQuesta torta è buona e contiene ingredienti salutari.
L’albume è ricco di proteine, minerali come magnesio e potassio, vitamine del gruppo B e triptofano, un aminoacido essenziale, precursore della serotonina e della melatonina, che fanno diminuire lo stress.

I fagioli neri contengono proteine e fibre, che contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo nel sangue.
Il cioccolato e il cacao contengono anch’essi serotonina e danno il buon’umore.
Il miele ha proprietà antiossidanti e anti infiammatorie.
La cannella e i chiodi di garofano hanno proprietà disinfettanti e regolano il livello di zucchero nel sangue.
Quindi questa torta non solo soddisfa il desidero di dolci, ma fa anche bene!

Ingredienti:
– 500 g di fagioli neri secchi
– 200 g di fiocchi d’avena frullati
– 12 chiodi di garofano macinati
– 2 cucchiaini di cannella in polvere
– 1 bustina di lievito per dolci
– 4 chiare d’uovo
– 50 g di cioccolato fondente + 200 g per coprire la torta
– 50 g di cacao amaro in polvere
– 150 ml latte/latte vegetale (mandorla, riso, soia…)
– 1 cucciaio di olio di cocco (o un altro olio dal sapore delicato)
– 6 cucchiai di miele
– 1 pizzico di sale
– Un po’ di rum o altro liquore.

Esecuzione:
Lasciate a bagno i bagioli neri per tutta la notte, poi fateli bollire per 50 minuti (finchè diventano morbidi).
Lasciate raffreddare i fagioli, poi frullateli con l’aiuto di un po’ di latte.
Preriscaldate il forno a 180°.
Frullate i fiocchi d’avena con i chiodi di garofano e teneteli da parte.
Tagliate 50 g di cioccolato fondente in piccoli pezzi.
Mescolate la crema di fagioli con tutti gli altri ingredienti.
Stendete l’impasto in una teglia foderata con carta da forno.
Infornate la torta per 30 minuti.
Lasciatela raffreddare.
Spruzzate la torta di rum o di un altro liquore che preferite (secondo me il rum non copre il sapore delle spezie, ma lo esalta).
Fondete 200 g di cioccolato fondente e qualche cucchiaio di latte (al microonde o a bagnomaria) e mescolate bene.
Spalmate il cioccolato fuso sulla torta.
Lasciatela nel frigorifero per almeno mezz’ora prima di servirla. (Secondo me è migliore dopo qualche ora)

Questa torta è priva di colesterolo e glutine, sazia a lungo e può essere usata anche da chi è vegan (evitando il latte).
Ha la consistenza che ricorda il castagnaccio e un sapore delicato, ovviamente speziato.
Se non vi piacciono i chiodi di garofano e/o la cannella, potete usare la vaniglia o la scorza d’arancio.

A mio figlio, che è un critico affidabile, è piaciuta 🙂

SIETE INTOLLERANTI AL GLUTINE?

Sempre più spesso troviamo nei negozi prodotti senza glutine.senza glutine
Credo che sia una bella comodità per le persone celiache, perchè quando si è intolleranti al glutine e vengono assunti cibi che lo contengono si genera un’infiammazione nell’organismo, specialmente nell’intestino.

I villi intestinali vengono danneggiati e i nutrienti non vengono più assorbiti in modo corretto, con conseguente carenza di vitamine e minerali.
Sembra che moltissime persone siano intolleranti al glutine senza saperlo: se avete mal di testa, gonfiore addominale, stanchezza, mal di stomaco, dolori articolari, insonnia, depressione e altri disturbi la causa potrebbe essere il glutine.

Mark Hyman, esperto in metabolismo e alimentazione e autore di numerosi libri, durante il Dr. Oz Show ha suggerito un test per vedere se si è intolleranti: per due settimane eliminare tutti i cibi che contengono glutine (per esempio prodotti a base di cereali come grano, orzo, farro e segale).
Attenzione però, perche’ il glutine si trova anche in cibi trattati, salse o altri alimenti che contengo additivi, esaltatori di sapidità e addensanti.
Potete sostituire i cereali del mattino e il pane con patate dolci e/o uova oppure un frullato con proteine di soia o riso in polvere, yogurt e noci.
Delle buone alternative per pranzo e cena possono essere riso integrale, pesce, pollo, quinoa, amaranto, patate arrosto, olive, popcorn, broccoli, carote, insalata ecc.
Dopo le due settimane senza glutine reinserite degli alimenti che lo contengano e se i disturbi si ripresentano può trattarsi di un’intolleranza.
In questo caso fate degli esami del sangue più approfonditi (c’è un test specifico).

Molte persone consumano i prodotti senza glutine, pensando che sia buono per l’organismo, ma ai fini di perdita di peso questi prodotti non sono indicati.
Il glutine è la parte proteica del cereale e togliendo le proteine rimarrà una quantità maggiore di carboidrati, che si trasformano in zuccheri più facilmente, specialmente se si tratta di cibi raffinati.

Se quei prodotti vi piacciono va bene, l’importante è sapere che non aiutano a dimagrire, a meno che non siate intolleranti al glutine.

LA FONTE DELLA GIOVINEZZA DI MONTEL WILLIAMS

Montel WilliamsMontel Wulliams, attore e conduttore televisivo, lotta dal 1999 (a soli 43 anni) con la sclerosi multipla, una delle più debilitanti malattie che esistano. Infatti è diventato un sostenitore della Fondazione no-profit per la Sclerosi Multipla.
L’ho visto come ospite nello show del Dr. Oz e mi ha colpito la sua forza di carattere con cui sta affrontando la sua malattia. Quando un medico gli ha detto che in pochi anni sarebbe arrivato sulla sedia a rotelle lui ha reagito in un modo sorprendente:
Non voglio impegnarmi a morire ma a vivere – si è detto.
Da allora ha sperimentato ogni cura. Oltre le medicine tradizionali che gli hanno prescritto,  ha fatto ginnastica tutti i giorni e ha provato molti integratori che avrebbero aumentato le sue energie. Il risultato è che adesso, dopo tutto questo tempo si sente più forte e se prima zoppicava adesso ha riguadagnato quasi del tutto la funzionalità dei suoi muscoli.
Smettete di pensare negativo – ha detto – Se ci mettete sudore i risultati arrivano.
Mi sembra di grande stimolo. Se ce la fa lui, con un problema così grande, anche noi possiamo affrontare i nostri problemi con più forza e fiducia.
Le sue scoperte si possono adattare a tutti per migliorare le proprie energie, per ridurre l’infiammazione nell’organismo e quindi per vivere meglio.
Ecco alcune sue regole:

La mattina prende un frullato superenergetico a base di ananas, anguria, acqua di cocco, spinaci surgelati, mirtilli surgelati, mela verde o banana.

A metà mattina prende integratori di clorofilla (100-300 mg), un supercibo che modifica la flora del nostro intestino e fa moltiplicare i batteri benefici, e Vitamina D (1000 unità).
Di pomeriggio un integratore del complesso vitaminico B (B12, B6, acido folico) e un tè alle radici (erbe adattogene): Ashwagandha, Rhodiola e Schisandra. Queste 5 radici aiutano l’organismo ad adattarsi allo stress fisico, emotivo e ambientale.
Dr. Oz ha detto che sono stati effettuati esperimenti sui moscerini (nelle ricerche fanno esperimenti su creature piccole) e sono vissuti più a lungo.
Ogni giorno Montel consuma 10 spicchi di aglio, persino in infuso. Rafforza il sistema immunitario e abbassa la prressione e il colesterolo (ma ha un odore terribile!)
Per i dolori Montel Williams usa l’estratto di luppolo (30 gocce in un po’ d’acqua, da bere tutto in una volta perchè è molto amaro).
Ha parlato anche dei cilindri di gommapiuma, che si usano nelle palestre, che fa rotolare sui muscoli, oppure si appoggia sopra il cilindro e rotola. In questo modo si esercita un massaggio in profondità, dove si accumulano le tossine che provocano il dolore.
Esistono anche indumenti con ossido di rame a compressione, che tengono i muscoli in posizione e stimolano i nervi adiacenti.
Il rame aumenta la circolazione del sangue, è fondamentale per il sistema nervoso ed è antimicrobico.

Navigazione articolo