Melanzane al Cioccolato

Oggi è un buon giorno per cominciare!

Archivi per il mese di “agosto, 2012”

GLI ZUCCHERI DIETETICI

Oggi ho visto un programma in cui un gruppo di studiosi inglesi ha fatto un esperimento per capire come le bevande dietetiche influenzino il nostro appetito.
Hanno preso due squadre di football e a fine partita hanno dato a una squadra bibite normali e all’altra la versione dietetica delle stesse bibite.

Poi hanno imbandito due tavoli con gli stessi cibi e hanno invitato le squadre a servirsi, ognuna dal proprio tavolo.
Hanno potuto così calcolare esattamente quanto cibo ha consumato ogni squadra.
Dai risultati la squadra che aveva consumato bibite light ha consumato più cibo, circa 140 calorie in più per persona.
Gli studiosi hanno concluso che consumando bibite dietetiche il cervello percepisce il dolce, ma non gli arriva la carica energetica che normalmente accompagna il sapore dolce. Per questo motivo cerca di rifarsi quando arriva in contatto con gli alimenti.

Io credo comunque che sia meglio evitare gli zuccheri sintetici come aspartame, che possono lasciare elementi inquinanti nel nostro organismo: meglio usare dolcificanti naturali, come sciroppo d’agave o di acero, fruttosio o miele, ma stare attenti alle quantità.

Altri dettagli su un post precedente.

Annunci

I LIPIDI: RISERVA ENERGETICA

Con il metabolismo gli alimenti vengono scissi in nutrienti, per poter essere assorbiti dal nostro organismo. I tre nutrienti di cui abbiamo bisogno sono i glucidi, i lipidi e le proteine.
La percentuale ottimale di lipidi nella nostra alimentazione é di un terzo dell’aporto calorico giornaliero.

I lipidi sono importanti perchè sono una riserva energetica da utilizzare in caso di necessità, aiutano l’assorbimento delle vitamine liposolubili, come A,D,E,K, facilitano delle reazioni chimiche e lubrificano il nostro organismo.
Sono contenuti nel tessuto adiposo sottocutaneo e ci proteggono dal freddo oppure dai traumi.
Sono però gli alimenti in assoluto più calorici: 9 calorie al grammo (più del doppio dei glucidi e delle proteine). Vengono assimilati più lentamente degli zuccheri semplici, ma la resa calorica aumenta in proporzione e  richiamano pane e salse, che incrementano l’apporto calorico complessivo.

Come dice Pierre Dukan nel suo libro La Dieta Dukan, in caso di dieta dimagrante consumare grassi equivale praticamente a nutrirsi con ciò che cerchiamo di eliminare.
Una dieta efficace e coerente deve iniziare con la riduzione e l’eliminazione degli alimenti che ne sono ricchi. Non si può perdere massa grassa introducendo altro grasso.
Tuttavia non si devono escludere dall’alimentazione anche perchè in assenza di lipidi il nostro organismo tende a risparmiarli e si riduce la lipolisi, cioè si bruciano meno grassi.
Inoltre i cibi a basso contenuto di grassi hanno un passaggio più rapido nell’apparato digerente e il senso di fame si ripresenta prima.
I grassi di origine animale sono ricchi di colesterolo e trigliceridi e sono una minaccia per il cuore.
Negli alimenti preconfezionati si cerca di sostituire il burro con grassi idrogenati come margarina e olio di palma, che sono dannosi per il nostro organismo.

L’olio d’oliva é il più indicato per una sana alimentazione, per la sua ricchezza di antiossidanti, come gli acidi grassi Omega 3.
Un altro pregio dell’olio d’oliva é quello di resistere a temperature più alte e quindi è indicato anche per cucinare.
Non è sano eliminare i grassi, specialmente l’olio d’oliva, ma il suo consumo deve passare attraverso il cucchiaio: non dobbiamo versare l’olio a occhio, ma con l’aiuto del cucchiaio, così possiamo controllare la quantità (l’ideale è 1 cucchiaio a pasto, diviso tra quello crudo per condire l’insalata e quello usato per sugo o altro condimento).
Dobbiamo ricordare che anche la frutta secca é una buona fonte di grassi, così come le olive.

Dr. Oz suggerisce di prendere un po’ di olio d’oliva su un pezzetto di pane 20 minuti prima del pasto per calmare la fame e mangiare di meno.

LE PROTEINE: I MATTONI DEI NOSTRI MUSCOLI

Le proteine sono i mattoni che costruiscono il nostro apparato muscolare e servono tra l’altro per il rinnovamento dei globuli rossi, per la resistenza alle infezioni, per la cicatrizzazione delle ferite, per il funzionamento della memoria e per la crescita delle unghie e dei capelli.

Il nostro organismo non dispone di mezzi metabolici per sintetizzare delle proteine e quindi è necessario assumerle con l’alimentazione.

Si trovano nei legumi, seitan e tofu e non contengono colesterolo, oppure nei formaggi, pesce, pollo e  carni rosse.
Abbiamo bisogno di  circa 1 g di proteine per ogni Kg di peso. Se l’apporto con l’alimentazione è insufficiente, l’organismo  è costretto ad attingere alle proprie riserve: i muscoli, la pelle e persino le ossa. La loro digestione è la più lunga e laboriosa.
Nel caso di una dieta dimagrante le proteine sono d’aiuto in quanto la lentezza della digestione e dell’assimilazione ritarda lo svuotamento gastrico e aumenta la sensazione di sazietà.

Inoltre hanno una buona resa: per ottenere 100 calorie da un alimento proteico se ne consumano circa 30 per il metabolismo, a differenza dei lipidi, che richiedono 12 e dei glucidi, che hanno bisogno soltanto di 7 calorie.

L’albume dell’uovo rappresenta la forma più pura e completa di proteine fino a oggi conosciuta. Il tuorlo contiene vitamine del gruppo B e minerali come ferro e calcio, ma é anche ricco di colesterolo e trigliceridi, quindi non si dovrebbero consumare più di 2-3 uova alla settimana, comprese quelle usate in cucina per dolci, creme o per impanare.
Il bianco non contiene colesterolo e si può mangiare liberamente, per esempio in una omelette fatta con 1 uovo intero e 2-3 bianchi.

Per essere metabolizzate, le proteine hanno bisogno di una grande quantità di acqua. L’alimentazione a base di proteine facilita la diuresi e l’eliminazione di acqua dai tessuti, ragion per cui si usa spesso nelle diete dimagranti.
Non bisogna eccedere però nel consumo di proteine perchè il loro metabolismo rilascia molti corpi chetonici, tossici per l’organismo, che danno un superlavoro ai reni.
Dopo un pasto ricco di proteine é meglio evitare il bagno in acqua fredda, perché la differenza di temperatura potrebbe causare una congestione.
Le proteine sono consigliate agli sportivi, che sollecitano particolarmente il loro corpo.
Per rimanere sani e pieni di energia dobbiamo seguire una dieta bilanciata e varia, con un occhio di riguardo alle quantità.

I GLUCIDI: UN’ENERGIA IMMEDIATA

Per poter svolgere le sue funzioni vitali, il nostro organismo ha bisogno di elementi chimici e di energia, che noi prendiamo dagli alimenti.
Grazie ai processi digestivi, gli alimenti vengono scomposti in nutrienti, cioè sostanze che il nostro organismo è in grado di assimilare. I nutrienti si dividono in 3 categorie principali: glucidi, proteine e grassi. Tutti sono ugualmente importanti per il nostro organismo.

I GLUCIDI, o zuccheri, hanno una funzione energetica. Si tratta di carboidrati semplici, cioè a rapido assorbimento, che si trovano in cibi come zucchero comune, frutta, latte, patate, prodotti da forno, gelati, marmellate ecc., e di carboidrati a lento assorbimento, come pane, pasta, cereali, riso (preferibilmente integrali) e legumi.
I cereali forniscono anche la fibra, indispensabile per il buon funzionamento del transito intestinale.
I legumi contengono carboidrati e fibra, ma anche proteine di un buon valore biologico. Insieme ai cereali formano una combinazione paragonabile alle proteine animali, con il vantaggio che sono prive di colesterolo. Devono però essere consumati in sostituzione di una parte di glucidi come pasta, patate o riso.

Una dieta bilanciata non deve eliminare i carboidrati, che sono una fonte di energia più immediata.
La proporzione ideale è di circa il 50% dell’aporto calorico giornaliero, distribuito durante la giornata.

Navigazione articolo